I nostri Maestri - Aikido a Bologna

Vai ai contenuti

Menu principale:

I nostri Maestri

Aikido
Christian Tissier (nato nel 1951 a Parigi, Francia) è uno dei più noti maestri di Aikido europei, pioniere dell'arte in Francia. Ha iniziato la formazione in Aikido sin da bambino nel 1962, e fu addestrato da Mutsuro Nakazono a Parigi. E' nel 1969 che, dopo mesi di duro lavoro in una ditta di traslochi e presso il mercato alimentare di Rungis, Christian Tissier alla fine riesce a risparmiare abbastanza soldi per essere in grado di permettersi il biglietto Transiberiana che lo avrebbe portato in Giappone dopo un viaggio di 3 settimane in tutta Europa e la Russia e un viaggio in barca attraverso il Mar del Giappone.  Purtroppo, quando Tissier arrivò in Giappone, O Sensei Ueshiba Morihei era appena scomparso. Christian Tissier decise di aprire la mente e di imparare quanto più poteva, formandosi ogni giorno, e praticando in più classi che poteva. Questa dedizione gli fece capire che servivano più mesi di quelli che lui pensava fossero necessari per comprendere l'Aikido e decise di allungare il tempo di permanenza. Fece presto amicizia con Endo Seishiro, Suganuma Morito, Toyoda Fumio, Yasuno Masatoshi, e poi Miyamoto Tsuruzo, Yokota Yoshiaki, e Osawa Hayato Sensei. Grazie alla stessa età, Tissier sviluppò  una forte amicizia con quello che allora era conosciuto come Waka Sensei, l'attuale Aikido Doshu, Ueshiba Moriteru.
Christian Tissier sviluppò un rapporto particolarmente stretto con due istruttori, il secondo Doshu Ueshiba Kisshomaru e il grande Yamaguchi Seigo che per entrambi fece a lungo da uke durante le lezioni e dimostrazioni. Dal primo ha ereditato le forti basi e la precisione e dal secondo, la libertà, il brio e l'estrosità. Il rapporto di Christian con queste due persone si estendeva ben oltre la tecnica e Yamaguchi fu niente di meno che una figura paterna. Un altro che influenzò molto Tissier fu Saotome Mitsugi Sensei, dal quale apprende in particolare le tecniche di Jo che egli pratica ancora oggi. Durtante la permanenza in Giappone, Tissier studiò la lingua giapponese presso la Sophia University. Approfittò, inoltre, in questo periodo, per familiarizzare con altre discipline marziali. Praticò Kickboxing nella leggendaria Meijiro palestra sotto Shima Mitsuo e Fujiwara Toshio, i più grandi campioni del loro tempo, prendendo parte anche a diversi incontri sul ring.
Christian Tissier praticò intensamente il Kenjutsu della scuola Kashima Shin Ryu sotto la direzione di Inaba Minoru Sensei nel suo dojo Shiseikan. Questa conoscenzasi rivelò essere molto influente sul suo Aikido, dandogli la sua particolare immediatezza e movimenti di taglio. Ha anche praticato anche Karate, Judo, Kendo. Dopo il ritorno in Francia, Christian Tissier continuò a perseguire le sue esperienze marziali al di fuori dell'Aikido con il Karate team francese guidato dal suo amico, Jean-Pierre Lavoratto Questo lo ha aiutato ad concretizzare la sua reputazione e la credibilità al di fuori dell'Aikido e di ottenere il rispetto di tutti come un solido artista marziale. Dopo che Christian Tissier ottenne il 4 ° Dan, il Maestro Yamaguchi gli suggerì di tornare in Francia, al fine di promuovere l'Aikido e insegnare quello che aveva imparato all'Aikikai Hombu Dojo. Christian Tissier si trasferì definitivamente in Francia nel mese di luglio 1976 e iniziò a insegnare poco dopo. Comprò il dojo di Jean-Pierre Lavorato a Parigi e creò le Cercle Christian Tissier. Il Cercle Tissier è oggi il più importante centro privato europeo per le arti marziali ed i suoi 750 mq danno il benvenuto non solo all'Aikido ma anche quella di Judo, Karate, Ninjutsu, Jujutsu per citarne solo alcuni, tutti guidati da istruttori di alto profilo.
Nonostante i molteplici impegni,  Christian Tissier tenne sempre i suoi legami con l'Hombu Dojo, trascorrendo diversi mesi di ogni anno in Giappone. Ha ricevuto il 5 ° Dan Aikikai nel 1981, il 6 ° Dan nel 1986, e il 7 ° Dan nel 1998 e l'8° Dan nel 2016. E 'stato anche insignito del prestigioso titolo di Shihan, poco dopo, che lo ha reso il primo non giapponese a raggiungere un tale rango. Christian Tissier è ben noto per la promozione Aikido sul tatami grazie anche ai media, con le manifestazioni annuali al Festival des Arts Martiaux de Bercy a Parigi, e attraverso i suoi numerosi libri e DVD. Recentemente ha partecipato ai Giochi di Combattimento di Pechino nel 2010, e fu il primo non giapponese a insegnare presso il Congresso dell'International Federation Aikido.
Nel luglio del 2012, Christian Tissier ricevette il prestigioso Japan Foreign Minister's Commendation. Questo premio viene consegnato a singoli o gruppi che si sono distinti eccezionalmente nel promuovere l'amicizia del Giappone con gli altri paesi.
Christian Tissier è membro fondatore della Federazione Française d'Aikido Aikibudo et Affinitaires (FFAAA o 2F3A), che è stato creato nel 1983. E' anche membro del collegio tecnico (Technique Collège) responsabile della qualità dell'esame Dan e per il riconoscimento delle certificazioni: Brevet d'Etat e Brevet Fédéral. Questi esami avvengono in collaborazione con i membri dell'altra federazione, la Fédération Française d'Aikido et de Budo (FFAB), all'interno dell'Unione delle federazioni d'Aikido (UFA).


Tommaso Patella (nato a Castellaneta nel 1961) è allievo diretto del Maestro Christian Tissier. Portato fortemente per le arti marziali e dotato per il suo notevole intuito, Tommaso Patella iniziò con il Karate che lo portò ad arrivare ad un passo dalla nazionale italiana. Trasferitosi a Bologna per studiare medicina, continuò la sua passione per il Karate allenandosi con sagacia e passione in una piccola palestra del centro. Durante uno stage di arti marziali la sua attenzione fu colpita da un gruppo di atleti che stavano praticando un'arte marziale giapponese all'epoca poco nota:l'Aikido.
Si sentì attratto da quei movimenti e incuriositosi da ciò che visivamente, all'esterno della pratica, non riusciva a capire, decise di provare e di iscriversi in una palestra a Modena dove insegnavano l'Aikido stile Iwama Ryu del Maestro Saito.
Proseguì per diverso tempo i suoi allenamenti sia per l'Aikido che il Karate.
Tuttavia, mentre lo stile che seguiva nel Karate lo trovava pienamente in accordo e lo accettava senza discussioni, lo stile che prativa in Aikido lo lasciava un po perplesso. Non si sentiva appagato, non riusciva a comprenderne il movimento, non era in sintonia con quell'arte che a lui piaceva molto ma che non lo riempiva pienamente. Tuttavia continuò nella speranza che l'assidua pratica desse le risposte alle sue domande.
In quel periodo, si sentiva molto parlare del Maestro Christian Tissier che in Francia stava diffondendo l'Aikido molto velocemente, e fu così che Tommaso andò ad uno suo stage per vedere ciò che proponeva.
La lezione di Christian Tissier lo fulminò. Tommaso capì immediatamente che l'Aikido che stava cercando era quello proposto da Tissier. Lasciò la scuola di Iwama per seguire l'insegnamento di Tissier.
Da quel momento Tommaso seguì Christian in molti suoi stages, concedendosi come uke. In particolare Tissier chiamava Tommaso per le tecniche di pugno, che grazie all'esperienza da karateka aiutava Tissier a dimostrare nel modo migliore possibile la difesa da un attacco da pugno tirato da chi sapeva come tirare pugni.
Tommaso Patella continua a seguire gli insegnamenti di Christian Tissier, ma ha anche ampliato le sue conoscenze di artista marziale e non solo (www.tommasopatella.com)
Ha conseguito il 6° Dan di Karate e il 6° Dan di Aikido direttamente dall'Hombu Dojo di Tokyo.
E' Maestro Yoga nello stile Hata Yoga, si è diplomato come Naturopata presso l'Istituto di Medicina Psicosomatica RIZA, si occupa di kinesiologia all'interno della Discipline Bionaturali dell'ADO-UISP. Insegna Aikido, Karate, Yoga presso la palestra Kenkoo in via Vittoria 10/c a Bologna (www.kenkoo.eu).

Claudio Tonelli (nato a Pesaro nel 1960)
Interessato poco o niente alle arti marziali si avvicina al calcio e successivamente alla pallacanestro come la maggior parte dei ragazzi di quel periodo. Poi ha esperienze nel baseball, nel football americano, in canoa, fino ad addentrarsi nei meandri della subacquea che segue tutt'ora.
Un giorno, mentre passeggiava per la città, notò un cartello pubblicitario su una strana arte marziale. Incuriosito, andò a parlare con il responsabile della palestra che gli spiegò brevemente la filosofia dell'Aikido e fu così che Claudio iniziò i primi passi nell'Aikido.
Furono anni intensi di pratica, si iniziava alla mattina alle 6,30 in un tatami congelato dal freddo invernale con una stufa a legna che non riscaldava granchè, poi si passava al pomeriggio e alla sera. Claudio sudava e faticava ma era contento perchè l'Aikido era qualcosa da esplorare da capire e solo con la pratica si apprendevano le nozioni fondamentali.
Partecipò a tantissimi stages dei Maestri Fujimoto, Osokawa, Asai, Nomoto. ed altri. Per motivi di lavoro si trasferì a Bologna e fu costretto ad interrompere la pratica. Successivamente riprese ad allenarsi presso la palestra di un maestro da lui conosciuto anni prima.  Nonostante l'impegno costante e la voglia di imparare, Claudio stava percependo che l'aikido che stava praticando non gli dava le stesse sensazioni degli anni precedenti e non percepiva una costruzione positiva per la propria persona. L'interesse per questo stile di Aikido stava scemando. Si recò così presso un'altra palestra dal maestro Tommaso Patella che seguiva l'aikido del maestro Christian Tissier. Claudio iniziò questo nuovo cammino e finalmente trovò ciò che stava cercando.
La voglia di fare era tanta e Claudio passò un periodo di allenamenti molto intensi. Si confrontò spesso con suo nipote, campione mondiale di Tae Kwon Do, per affinare le tecniche di difesa su attacchi diversi. Si allenò nel fight street, il combattimento da strada, per sentire internamente una condizione di percezione più viva e vera rispetto agli allenamenti in palestra, cercando di avere meno codifiche che rendessero la pratica poco reale.
Tutti questi anni di esperienza non hanno fatto altro che rafforzare la convinzione di seguire l'Aikido di Christian Tissier.
Palestra Kenkoo in via Vittoria 10/c a Bologna.
Privacy Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu